Home > News su Android, tutte le novità > La chiusura di Google+ è stata anticipata ad aprile 2019

La chiusura di Google+ è stata anticipata ad aprile 2019

Perché condividere e recensire app sul Google Play Store è utile?

Nel mese di ottobre, Google ha annunciato che avrebbe interrotto il supporto al suo social network Google+, chiudendolo definitivamente in seguito alla scoperta di un bug dell’API che avrebbe potuto causare il furto di dati degli utenti. Anche se non ci sono prove che qualcuno abbia approfittato del bug dell’API, Google ha deciso che sarebbe stato il momento migliore per chiudere il social network per lo più morto.

Originariamente, il colosso di Mountain View aveva programmato l’arresto completo nell’agosto 2019, ma ora il calendario è stato spostato un po’ indietro. In un post pubblicato oggi, Google ha dichiarato di aver trovato un altro bug nelle API il mese scorso. Il problema ha consentito alle applicazioni di terze parti di accedere all’account degli utenti per visualizzare tutte le informazioni del profilo G+, anche i dati contrassegnati come privati. Ciò include il nome dell’utente, l’indirizzo email, l’occupazione, l’età e qualsiasi altra cosa sia stata inserita nel social.

Il gigante del web ha corretto il bug una settimana dopo che è stato scoperto e la società non ha riscontrato prove che le app di terzi ne approfittassero. Indipendentemente da ciò, il calendario per la chiusura di tutti i server dedicati a G+ è stato accelerato: il social network verrà spento per gli utenti consumer nell’aprile 2019. Inoltre, tutte le API per Google verranno chiuse “nei prossimi 90 giorni”.

Non si può certo dire che si tratterà di una chiusura che causerà problemi a molti, dal momento che il social network di Google ha attualmente il più alto tasso di “profili fantasma”, ovvero utenti che si sono registrati ma che non usano il social da moltissimo tempo.

VIA  FONTE