Home > News su Android, tutte le novità > Spotify potrebbe avere a breve minori limitazioni nella versione gratuita

Spotify potrebbe avere a breve minori limitazioni nella versione gratuita

Spotify Premium

Il prossimo 24 Aprile Spotify terrà un evento di presentazione in cui è atteso il primo vero prodotto hardware dell’azienda. Esso tuttavia non sarà l’unica novità del giorno. Stando a quanto riportato da alcune fonti di Bloomberg, Spotify potrebbe rivedere il proprio piano gratuito fornendo agli utenti minori limitazioni, soprattutto da smartphone.

Il rinnovamento faciliterebbe l’accesso alle playlist e darebbe un maggiore controllo su ciò che si ascolterà su quelle playlist. In pratica, una situazione più simile all’esperienza di un abbonato Premium.

Le fonti non hanno detto per certo che Spotify lancerà questo “accesso più libero” il 24 Aprile, ma all’evento potrebbe avvenire l’annuncio e il roll out “entro un paio di settimane”. La compagnia è stata recentemente intenzionata a limitare l’accesso degli utenti liberi a nuove canzoni nel tentativo di venire maggiormente incontro alle etichette discografiche che da sempre sono contrarie all’approccio gratuito di Spotify.

Tuttavia, la versione gratuita è l’essenza del servizio (Spotify ha riportato 71 milioni di utenti paganti rispetto ai 157 milioni totali al momento della stesura). Inoltre, è spesso la porta d’ingresso per diventare abbonati. Più accattivante è l’accesso gratuito, più è probabile che gli utenti considerino l’abbonamento a pagamento per ottenere un ascolto senza limiti.

Questo è cruciale quando Apple Music è in procinto di raggiungere Spotify e potrebbe avere più membri paganti (l’unica opzione di Apple dopo il periodo di prova) già dalla prossima estate.

A ogni modo, in attesa di avere maggiori informazioni in merito, vi vogliamo ricordare che Spotify ha preso provvedimenti seri nei confronti delle applicazioni modificate che permettevano di far accedere gratuitamente al servizio Premium. Questo soprattutto per dare un ottimo segnale nei giorni precedenti la quotazione in borsa (il primo giorno è stata valutata 23 miliardi di euro).

VIA  FONTE