Home > News su Android, tutte le novità > Samsung Galaxy S8, S8+ e Note 8 ora supportano le GIF nell’AOD

Samsung Galaxy S8, S8+ e Note 8 ora supportano le GIF nell’AOD

Samsung Galaxy S8 Oreo

Always On Display di Samsung ha fatto il suo debutto sul Galaxy S7 e S7 edge oltre due anni fa. Da allora, la società ha costantemente aggiunto funzionalità qua e là, cosa possibile grazie alla pubblicazione del file APK. L’ultima aggiunta all’Always On Display è il supporto alle GIF, il quale consente di aggiungere un po’ di azione all’orologio e al tempo, altrimenti statici. Tale aggiornamento è disponibile per Samsung Galaxy S8, S8+ e Note 8.

Samsung ha da tempo consentito l’utilizzo dei temi con l’Always On Display per rendere le cose un po’ più interessanti e personalizzate, consentendo anche l’aggiunta di foto, ma il supporto GIF è nuovo.

Potete selezionare una delle GIF pre-caricate da Samsung oppure caricarne una attraverso la galleria. Ma come ci si potrebbe aspettare da un file animato su una funzione che influenza pesantemente la durata della batteria, ci sono alcuni avvertimenti. Ad esempio, la GIF non può essere troppo lunga, ma la si può semplicemente tagliare nella galleria se questo è un problema.

Inoltre la GIF non ripartirà in automatico in loop: viene avviata solo una volta quando si spegne lo schermo. Potete, tuttavia, toccare due volte con lo schermo disattivato se desiderate che la GIF venga riprodotta ancora una volta.

Oreo è necessario per poter aggiornare l’app

C’è da dire che questa nuova funzionalità è si disponibile per Samsung Galaxy S8, S8+ e Note 8 ma necessita che a bordo dello smartphone sia presente un firmware basato su Android 8.0 Oreo. Considerando i problemi che Samsung sta riscontrando nell’aggiornamento di questi modelli, probabilmente non tutti potranno accedervi sin da subito.

A ogni modo, qui di seguito vi lasciamo il link per procedere al download del file APK da installare manualmente (APK Mirror non è stato colpito dalla falla di sicurezza). In questo caso, vi ricordiamo di abilitare i permessi per l’installazione di app provenienti da fonti sconosciute, ovvero tutte quelle scaricate al di fuori del Play Store.

VIA