Home > News su Android, tutte le novità > Google FotoScan si aggiorna alla versione 1.5 introducendo il salvataggio automatico in Google Foto

Google FotoScan si aggiorna alla versione 1.5 introducendo il salvataggio automatico in Google Foto

Google FotoScan è un’app nata dalla necessità di digitalizzare, ricorrendo solamente allo smartphone, le fotografie stampate su carta dell’era pre-informatica. Sul Play Store essa ha ottenuto un discreto successo (tra i 5 e i 10 milioni di download) e gli sviluppatori di Google di recente hanno rilasciato l’aggiornamento alla versione 1.5.

Tale aggiornamento introduce essenzialmente una sola novità: la possibilità di salvare, in maniera automatica, le fotografie digitalizzate sul nostro Google Foto.

Precedentemente era possible comunque salvare le digitalizzazioni su Google Foto ma era un processo che non avveniva in automatico. Dal changelog non apprendiamo altre novità, per cui l’applicazione rimane perfettamente funzionale come in precedenza:

  • Le foto scansionate vengono salvate sul tuo dispositivo al momento dell’acquisizione
  • Editor angoli migliorato
  • Oltre agli angoli, ora puoi trascinare anche i bordi per ridimensionare il ritaglio automatico delle foto scansionate

Download Google FotoScan 1.5

Per scaricare l’app vi basterà cliccare sull’appbox sottostante che vi riporterà direttamente sulla pagina dedicata del Play Store.

FotoScan di Google Foto
FotoScan di Google Foto
Developer: Google LLC
Price: Free

Qui di seguito vi lasciamo anche il link per procedere al download del file APK da installare manualmente. In questo caso, vi ricordiamo di abilitare i permessi per le installazioni di app provenienti da fonti sconosciute, ovvero tutte quelle scaricate al di fuori del Google Play Store:

A proposito di file APK, vi ricordiamo anche di fare attenzione ai siti web da cui scaricate le applicazioni, dal momento che la vulnerabilità Janus, la quale permette di modificare gli APK senza toccare la firma, non è stata ancora “debellata” e quindi potreste incorrere in app falsificate.

VIA