Home > News su Android, tutte le novità > Le Google Cloud Video Intelligence API renderanno ancora più smart gli smartphone

Le Google Cloud Video Intelligence API renderanno ancora più smart gli smartphone

Google Cloud Video Intelligence API

Attraverso un annuncio sul proprio blog ufficiale, Google ha comunicato di aver rilasciato, al momento in versione beta, le nuove Google Cloud Video Intelligence API. Esse direttamente non saranno molto utili agli utenti ma, integrate in applicazioni studiate ad-hoc, permetteranno di trasformare lo smartphone in un analizzatore di video.

In pratica, le Google Cloud Video Intelligence API non fanno altro che comunicare con i server Google e, sfruttando la riproduzione multimediale su uno smartphone, riconoscere in tempo reale, frame per frame, tutti gli elementi presenti. Si tratta dello stesso principio degli algoritmi di machine learning di Google Foto ma applicato al mondo video.

L’esempio che ci riporta Google (immagine di copertina) si basa su un filmato il cui protagonista è una tigre. Nel fermo immagine qui in basso, si può vedere chiaramente come le Google Cloud Video Intelligence API siano state in grado di riconoscere che sulla scena non solo vi è una tigre, ma una tigre del Bengala con un’approssimazione prossima al 100%.

Le nuove Google Cloud Video Intelligence API (ora in beta privata) utilizzano potenti modelli di machine-learning, costruita utilizzando framework come TensorFlow e applicato su piattaforme multimediali di larga scala come YouTube. L’API è il primo del suo genere, consente agli sviluppatori di ricercare e scoprire i contenuti all’interno dei video, fornendo informazioni su entità (sostantivi, come “cane”, “fiore” o “umano” o verbi come “correre”, “nuotare” o “volare”) all’interno di contenuti video.

La pubblicità potrebbe andare a braccetto con le Google Cloud Video Intelligence API

Al momento non siamo in grado di immaginare molti utilizzi pratici per questo genere di tecnologia. Tuttavia, l’industria della pubblicità potrebbe essere molto interessata, dal momento che analizzando determinati contenuti su YouTube o su altre piattaforme, si potrebbe far visualizzare della pubblicità attinente a quel determinato filmato che l’utente sta per guardare.

Nel caso foste interessati, potete iscrivervi al programma beta attraverso questo link.

FONTE

SCELTI DA NOI PER TE