Home > News su Android, tutte le novità > Ecco la difesa di Google contro l’accusa di concorrenza sleale in merito alle Google Apps

Ecco la difesa di Google contro l’accusa di concorrenza sleale in merito alle Google Apps

Google Apps

Per via della posizione che ricopre, Google è spesso attaccata dai media, dalle commissioni o anche da gruppi di persone in merito al suo operato. Una delle accuse più gravi ricevute dal colosso di Mountain View è stata ad opera della Commissione Europea circa la “presunta” concorrenza sleale che continua a perpetrare nel sistema operativo Android con le Google Apps.

Attraverso una lettera pubblicata sul proprio blog ufficiale, Google ha voluto difendersi da tali accuse sottolineando alcuni punti principali. In particolar modo, ha ricordato che:

  • Android è un sistema operativo open source lanciato nel 2007 e che, ad oggi, vanta 13 milioni di sviluppatori Android in Europa e 24 mila smartphone e tablet realizzati da più di 1300 brand
  • L’installazione delle Google Apps da parte dei produttori non è obbligatorio. Coloro che decidono di installare la suite delle Google Apps lo fa per facilitare l’esperienza d’uso ai propri clienti

Infine Google paragona la situazione di Android e delle Google Apps con quelle della concorrenza, evidenziando il fatto che su iOS 39 delle 39 app pre-installate sono di Apple e su Windows 10 Mobile 39 delle 47 app pre-installate sono di Microsoft. In comparazione, su uno smartphone Android sono solo 11 le Google Apps pre-installate.

Secondo voi Google ha una sorta di monopolio nel settore Android oppure la sua presenza è un bene per sviluppatori e utenti?

FONTE