Home > Smartphone Android > Jolla Sailfish OS per Nexus 4, la nostra video prova

Jolla Sailfish OS per Nexus 4, la nostra video prova

Jolla Sailfish OS
Lockscreen

Jolla Sailfish OS

Nella giornata di ieri Jolla ha rilasciato una versione “per sviluppatori” di Sailfish OS compatibile con Nexus 4. Dopo mesi di lavoro finalmente abbiamo avuto la possibilità di testare questo nuovo sistema operativo che nasce dalle ceneri di Meego e che promette la compatibilità con le app Android.

Non ci siamo lasciati sfuggire quest’occasione e abbiamo testato per voi Sailfish OS. Si tratta però di una “early preview” e che quindi non è esente da bug e malfunzionamenti e assolutamente inadatta ad un utilizzo quotidiano.

Installazione

Il rapporto con Android  è più stretto del previsto dato che per installarla occorre come base una CyanogenMod. Resta il fatto che Sailfish OS è molto facile da installare, il procedimento è infatti uguale a quello di una normale ROM.

AndroidBlog non si assume nessuna responsabilità su eventuali danni causati al vostro dispositivo.
  1. Installare Android 4.2.2 Stock | Download 4.2.2 Stock | Ripristino firmware Stock Nexus 4
  2. Sbloccare Bootloader e installare una Custom Recovery | Sblocco Bootloader e Custom Recovery | Download ClockworkMod recovery 6.0.47
  3. Installare la CyanogenMod 10.1.3 | Download CM 10.1.3 stabile
  4. Dopo aver flashato la CM 10.1.3 (senza riavviare) flashate anche Sailfish OS e riavviate | Download Sailfish 1.0.4.20

Se avete eseguito correttamente le guida dopo circa 2 minuti abbondanti vi ritroverete davanti a Sailfish OS 

Interfaccia

L’interfaccia di Jolla Sailfish OS è molto curata e raffinata. Essa si basa su un gioco di trasparenze e sfocature. Come si può evincere dal video, sono presenti 3 schermate principali: la lockscreen, la home/multitasking e infine app drawer.

Nella lockscreen troviamo poche e semplici informazioni, orologio,contatore delle notifiche e in alto il nome dell’operatore. Effettuando uno swipe verso il basso troveremo la percentuale della batteria e lo stato delle ricezione del segnale.

Effettuando quindi uno swipe completo verso il basso dalla lockscreen, accederemo alla home/multitasking dove troveremo in basso 4 app “veloci” modificabili, mentre il resto dello spazio sarà occupato dalle app che rimarranno in background, molto simile al multitasking adottato da BB10.

Un ennesimo swipe dal basso ci porterà nell’ app drawer, dove ovviamente troveremo le sole applicazioni installate.

Anche la tastiera risulta graficamente ben fatta: il sistema operativo è molto gradevole alla vista, grazie alla profondità donata dall’ effetto sfocato. Non è possibile personalizzare la home come su Android, ma esistono le “atmosfere“, selezionabili dalla galleria, le quali modificheranno, oltre allo sfondo, la tonalità dell’interfaccia.

Gesture

Jolla Sailfish OS si basa totalmente sulle gesture: il sistema operativo infatti non presenta alcun tasto software, e tutte le operazioni dovranno essere fatte via swipe:

  • Swipe dall’alto verso il basso (oltre il bordo): ci permetterà di bloccare il display (quando non è aperta un’app), ci permetterà di chiudere un app (quando sarà aperta un’app)
  • Swipe dall’alto verso il basso (prima del bordo): aprirà i vari sotto menu
  • Swipe dal basso verso l’alto: aprirà le notifiche
  • Swipe da sinistra verso destra (oltre il bordo): metterà in background le app
  • Swipe da sinistra verso destra (prima del bordo): torna indietro
  • Swipe da destra verso sinistra: accetta/avanti

Inizialmente ciò potrà disorientare gli utenti abituati ad altri sistemi, ma in poco tempo si ci fa l’abitudine e tutto risulterà molto comodo, veloce ed intuitivo. 

Impostazioni

Le impostazioni sono ancora abbastanza scarne. Nella parte superiore troviamo alcuni collegamenti rapidi e lo slider per regolare la luminosità. Nella parte inferiore troviamo invece tre categorie: Sistema, Applicazioni e Account.

  • Sistema: all’interno troveremo le impostazioni base come la gestione della luminosità, suonerie, backup, ripristino e le “impostazioni per developer”;
  • Account: ci permetterà di aggiungere le piattaforme più importanti come Facebook, che si integrerà perfettamente con i contatti e i messaggi (per la chat) e Google che sfrutterà il client email abbastanza ben fatto;
  • Applicazioni: ci permetterà di gestire alcune impostazioni delle app come ad esempio la dimensione delle foto per quanto riguarda la fotocamera (al momento non funzionante);

Conclusioni

Jolla Sailfish OS è un sistema operativo che ci ha davvero sorpreso. Per essere una beta è estremamente fluido. Jolla ha dichiarato che in futuro saranno aggiunte nuove funzioni, per le quali sono costantemente al lavoro. Ci è dispiaciuto non poter utilizzare nè il market nè gli APK delle applicazioni Android, visto che i moduli responsabili di ciò non erano presenti in questa build. Ci riserviamo per il futuro una recensione approfondita della versione stabile che speriamo non tardi ad arrivare. 

Jolla Sailfish OS, la nostra video prova