Home > Novità app Android > Dipendenza Da Smartphone Scoprila Con Menthal

Dipendenza Da Smartphone Scoprila Con Menthal

menthal_dipendenza_da_smartphone

Senza ombra di dubbio negli ultimi anni il telefonino intelligente è diventato il prodotto di elettronica di consumo che accompagna un po’ tutti, chi più, chi meno, durante la vita di tutti i giorni, tant’è che a volte si sviluppa una vera e propria dipendenza da smartphone.

Le vendite di questi dispositivi sono in continua crescita, sintomo del fatto che la domanda dell’utenza aumenta di giorno in giorno e non è un fenomeno, come presupporrebbero in molti, che riguarda solo i più giovani, ma che coinvolge anche gli adulti.

menthal_dipendenza_da_smartphone_insert

In molti casi il dispositivo mobile è necessario per lavoro, in altri per studio, in altri semplicemente per tenersi in contatto con le persone più care, ma la linea sottile che traccia un utilizzo ben ponderato da quella che, invece, potrebbe essere una dipendenza da smartphone talvolta è difficilmente distinguibile.

Per poterla riconoscere, però, oggi ci viene in aiuto Menthal, un’applicazione gratuita per dispositivi animati dal sistema operativo del robottino verde Android, scaricabile direttamente dal Google Play Store.

Menthal: l’applicazione che ci svela la dipendenza da smartphone

L’applicazione  Menthal ci svela la nostra dipendenza da smartphone permettendoci di misurare quanto tempo utilizziamo il dispositivo, quante chiamate facciamo, quanti messaggi inviamo, quanto tempo trascorriamo sui maggiori social network dal nostro terminale mobile e quanto tempo usiamo determinati software durante la giornata.

La necessità di realizzare l’applicazione Menthal nasce da uno studio condotto da alcuni ricercatori dell’Università di Bonn, secondo i quali l’eccessivo utilizzo di un dispositivo mobile può causare una vera e propria dipendenza da smartphone con conseguenze negative per la nostra psiche, tant’è che il docente di psicologia, Christian Montag, appartenente al team di studiosi menzionato, commentando i dati rivelati dall’app, ha dichiarato che alcuni risultati sono stati scioccanti.

I ricercatori hanno usato Menthal esaminando il comportamento di 50 soggetti per un periodo totale di sei settimane consecutive e il risultato ottenuto è stato che un quarto di loro ha utilizzato lo smartphone per più di due ore al giorno con una media di attivazioni del telefono più di 80 volte al dì, ovvero ogni 12 minuti circa.

Nonostante questo studio condotto, però, non abbiamo ancora ben capito quali siano i ritmi d’uso normali di un dispositivo mobile e quando, invece, potremmo parlare di dipendenza da smartphone.

Le statistiche emerse dallo studio

Insomma, avere una risposta a questo quesito e capire quando si può diagnosticare una dipendenza da smartphone è davvero difficile, piuttosto, allo stato attuale delle cose, gli studi scientifici dovranno progredire e, per adesso, possiamo solo parlarvi di statistiche, dicendovi che un utente medio utilizza il proprio cellulare per chiamare circa 8 minuti al giorno, scrivendo una media di 3 SMS.

Il vero boom, invece, è dovuto alla possibilità di accedere ad Internet, all’utilizzo delle applicazioni e al tempo trascorso sui social network o chattando attraverso i servizi di messaggistica istantanea.

Nel dettaglio i dati dell’utilizzo del tempo totale dello smartphone che emergono  a riguardo sono:

  • WhatsApp, che occupa il 15%
  • Facebook, che occupa fino al 9%
  • Giochi, che occupano il 13% del tempo, in alcuni casi anche diverse ore al giorno

Video promozionale

Qui di seguito vi proponiamo il video promozionale dell’applicazione Menthal.

Download

Insomma, per chi fosse interessato o semplicemente curioso di scoprire la propria, a questo punto presunta, dipendenza da smartphone, può farlo scaricando gratuitamente l’applicazione Menthal per Android direttamente dal Google Play Store attraverso l’Appbox qui di seguito.

Menthal
Menthal
Developer: Menthal
Price: Free

Via