Home > Novità app Android > BOINC, la scienza nelle nostre mani

BOINC, la scienza nelle nostre mani

BOINC

BOINC

Sembra quasi un paradosso, ma chi di voi ha un pc di 3 o 4 anni fa e nell’ultimo anno ha comprato un telefono top-gamma, quasi sicuramente il telefono è più potente del vostro pc. Incredibile vero? Eppure è così che la tecnologia va avanti, ogni anno la potenza raddoppia e la grandezza si dimezza.

Il progetto BOINC ovvero Berkley Open Infrastructure Network Computing, è presente ormai da moltissimi anni, se non erro circa una decina, ci permette di aderire a dei progetti che più ci interessano e calcolare dei pacchetti che ci vengono inviati, per poi essere rimandati risolti dai nostri dispositivi.

Posso garantirvi che l’associazione è davvero una grande comunità, e grazie a questi progetti sono state fatte molte scoperte scientifiche che potete visualizzare dal sito ufficiale, io sono moltissimi anni che contribiusco, circa 6 anni, all’inizio con il progetto Folding@Home  sicuramente chi di voi ha una Playstation 3 conoscerà questo piccolo programma che calcolava il piegamento delle proteine per risolvere malattie quali il cancro o l’alzhaimer.

Fin da subito, quando ho avuto uno smartphone potente mi sono chiesto, ma io non userò mai tutti questi cores, potrei sfruttarli per calcolare con BOINC, ma ancora non c’erano software che permettevano di farlo. L’applicazione in se non è invadente, parte solo quando il telefono è in carica, ha almeno il 95% di batteria disponibile ed è connesso ad una rete WiFi, aderendo a dei progetti si possono ricevere dei pacchetti, non molto pesanti, circa 5mb, che vengono elaborati dal vostro smartphone o tablet e rimandati ai server, questi pacchetti poi vi daranno una certa quantità di crediti che vi permetterà di visualizzarvi in una classifica (non sperate mai di arrivare fra i primi, io ci ho provato), è possibile anche impostare il numero di cores da utilizzare, la quantità di dati da scaricare mensilmente, la quantità di RAM da occupare quindi non vi rallenterà visibilmente il dispositivo.

Se volete partecipare a questa opera d’aiuto (che poi è un aiuto anche a voi stessi per la scoperta di cure o di nuove parti dell’universo) consiglio di impostare l’uso del processore, della RAM e della rete dati (tanto scarica da WiFi) al massimo tanto agirà solo durante la ricarica, e se doveste aver bisogno del terminale quando superate il 50% di utilizzo della CPU Boinc blocca qualunque elaborazione. Io ho aderito e voi cosa pensate di fare?