Home > News su Android, tutte le novità > Google Pixel 4: fotocamera quadrata e colorazione arancione

Google Pixel 4: fotocamera quadrata e colorazione arancione

Google Pixel 4 arancione

Il Google Pixel 4 dovrebbe essere presentato nel mese di ottobre ma, dopo aver avuto alcune informazioni ufficiali direttamente dalla stessa Google sul sistema di riconoscimento facciale frontale, abbiamo scoperto altri dettagli. L’ultimo di questi riguarda una nuova e alquanto inusuale colorazione arancione con cui verrà offerto.

I modelli Pixel, Pixel 2 e Pixel 3 sono stati tutti resi disponibili per l’acquisto in bianco e nero / argento al momento del lancio oltre a una terza colorazione altrettanto neutra. Il modello di prima generazione, ad esempio, è stato venduto in “Really Blue White”, il suo successore ha optato per un’opzione “Kinda Blue” notevolmente più chiara. Pixel 3 dell’anno scorso ha cambiato le cose con un’opzione “Not Pink” ma nel 2019 Google potrebbe optare per qualcosa di più appariscente.

Come mostrato dalla foto trapelata in queste ore, Pixel 4 e Pixel 4 XL saranno venduti nelle solite colorazioni bianca e nera ma, anziché selezionare un terzo colore neutro, Google ha scelto una finitura arancione piuttosto brillante che sicuramente attirerà l’attenzione. Non ci sono informazioni sul nome ma la nuova colorazione potrebbe benissimo essere chiamata “Almost Coral” o “Simply Orange”.

Ricordiamo che il Google Pixel 4 sarà dotato di un display da 5,7 pollici con risoluzione Full HD+ e una batteria da 2.800 mAh (lo schermo è leggermente più grande del Pixel 3, ma la batteria è leggermente più piccola); di contro, Google Pixel 4 XL si ridimensiona fino a un pannello da 6,3 pollici con risoluzione QHD+ e una batteria da 3.700 mAh.

Al cuore vi sarà il Qualcomm Snapdragon 855+ mentre, dopo anni di assestamento con 4 GB di RAM, Google ha deciso di arrivare fino a 6 GB per entrambi i telefoni.

In attesa di avere ulteriori informazioni, vi vogliamo ricordare che Huawei Mate 30 non dovrebbe avere accesso alle Google Apps.

VIA