Home > News su Android, tutte le novità > Nokia prolunga di 12 mesi gli aggiornamenti di sicurezza per alcuni dei suoi primi smartphone Android

Nokia prolunga di 12 mesi gli aggiornamenti di sicurezza per alcuni dei suoi primi smartphone Android

Nokia 8

Nokia ha annunciato che sta aggiungendo un ulteriore anno di aggiornamenti trimestrali di sicurezza Android per alcuni dei suoi primi dispositivi Android rilasciati nel 2017. Tali modelli, fra cui Nokia 8, Nokia 6, Nokia 5 e Nokia 3, hanno avuto a disposizione due importanti aggiornamenti di Android e due anni di regolari aggiornamenti di sicurezza. Ora, molti di questi modelli riceveranno ciascuno aggiornamenti di sicurezza trimestrali fino al terzo anno delle rispettive date di lancio.

Il Nokia 3 sarà il primo a ricevere ulteriori aggiornamenti trimestrali, che inizieranno a settembre e si spingeranno ogni tre mesi fino a settembre 2020. Gli altri modelli avranno un programma come segue:

  • Nokia 5 – La patch trimestrale inizia da ottobre 2019 a ottobre 2020.
  • Nokia 6 – La patch trimestrale inizia da ottobre 2019 a ottobre 2020.
  • Nokia 8 – La patch trimestrale inizia da ottobre 2019 a ottobre 2020.

Ci sono alcune cose però che dobbiamo sottolineare. Gli utenti del Nokia 2 riceveranno il loro ultimo aggiornamento di sicurezza a novembre 2019.

Miriamo a essere completamente trasparenti quando si tratta di aggiornamenti e software. Ecco perché vogliamo assicurarci che i fan degli smartphone Nokia sappiano quando il loro modello non riceverà più gli aggiornamenti di sicurezza a cui sono stati abituati. Questo si applicherà al brand Nokia e al catalogo completo di smartphone – in modo che tutti possano beneficiare di uno smartphone che mantiene al sicuro i dati. – Nokia

Prima di lasciarvi, vi vogliamo ricordare che per quanto riguarda il Nokia 2, sono stati rilasciati i sorgenti kernel, il che significa che gli sviluppatori di terze parti possono sfruttarli per compilare delle ROM Custom sviluppate ad-hoc e super ottimizzate, evitando che lo smartphone rimanga indietro sul fronte degli aggiornamenti.

VIA. FONTE