Home > News su Android, tutte le novità > Google svela i segreti del Pixel 4 in maniera ufficiale

Google svela i segreti del Pixel 4 in maniera ufficiale

Google Pixel 4 riconosciento biometrico Project Soli

Google sembra stanca del ciclo infinito di speculazioni sul Pixel 4. La società ha pubblicato infatti un post sul proprio blog e un video che mostra la tecnologia di riconoscimento facciale del nuovo top di gamma, così come i controlli gestuali dovuti al radar Soli.

I sensori di movimento basati sul radar di Project Soli fanno la loro apparizione, con il supporto esplicito delle gesture aeree per azioni come saltare canzoni, sospendere le sveglie e silenziare le telefonate e si spera che funzioni meglio dell’implementazione fatta nell’LG G8s (qui la nostra recensione).

Sulla base del video sopra, potremmo ottenere alcuni effetti visivi di accompagnamento con i nostri gesti sotto forma di onde o impulsi di luce nella parte superiore del display. La funzione in generale prenderà il nome di “Motion Sense” e non sarà disponibile in tutti i Paesi in cui verrà commercializzato il Pixel 4 (Google potrebbe aver bisogno dell’approvazione delle singole autorità governative per la tecnologia radar di Soli).

Tuttavia, la tecnologia di riconoscimento facciale non è basata su radar (o, almeno, non è basata esclusivamente su radar). Un “Dot Projector” accoppiato con un illuminatore a infrarossi e una telecamera IR riempiono i sensori a destra della capsula auricolare, con l’ultimo che è accoppiato a un’altra telecamera IR posta a sinistra. 

Oltre che per lo sblocco, questo sistema funzionerà anche come metodo di autenticazione biometrica con API precedentemente rivelate in Android Q per pagamenti mobili e nelle app. Il metodo di Google funzionerà anche “in quasi tutti gli orientamenti, anche se lo stai tenendo sottosopra”, il che è più di quanto possiamo dire per diversi altri produttori.

I dati del volto sono sempre e solo memorizzati sul dispositivo nel chip di sicurezza Titan M, secondo Google. Ciò significa che i dati non dovrebbero lasciare mai l’hardware del telefono.

VIA  FONTE