Home > News su Android, tutte le novità > Huawei vuole continuare a usare Android

Huawei vuole continuare a usare Android

Huawei P30 Lite

Ora che le polemiche si stanno stabilizzando per quanto riguarda il divieto commerciale ordinato dal Governo USA nei confronti di Huawei, il Presidente del gruppo Consumer Business di Huawei in Europa Occidentale, Walter Ji, ha parlato di eventi recenti e cosa ci si può aspettare dal secondo produttore mondiale di smartphone nel prossimo futuro. Al cuore dei progetti futuri vi non vi è nessuna sostituzione di Android e una crescita del mercato degli smartphone.

Sebbene Huawei abbia attualmente accesso alla versione di Android di Google e a tutti i servizi associati, i problemi politici risalenti a maggio hanno messo a rischio l’accesso a tutto ciò.

Naturalmente, questi sviluppi hanno portato a parlare di potenziale sostituzione di Android nel prossimo futuro. Alcuni hanno persino suggerito che l’azienda dovrebbe introdurre il proprio sistema operativo nonostante abbia recentemente riacquistato l’accesso alla piattaforma di Google. Huawei, tuttavia, non è d’accordo.

Intervistato direttamente sulla situazione, Walter Ji ha affermato che Huawei rimane “concentrata e molto impegnata a rimanere nell’ecosistema Android“. La società ha “contribuito molto” ad Android nel corso degli ultimi dieci anni e ha sempre messo “l’esperienza del consumatore come priorità. Ecco perché, nonostante le sfide che stiamo affrontando, ci impegniamo a migliorare il nostro marchio attraverso l’innovazione per i consumatori.”

L’anno scorso, come ha notato Mr. Ji, Huawei ha investito ben 15 miliardi di dollari in R & S, più di molti dei suoi concorrenti più stretti. Mentre l’obiettivo principale dell’azienda sembra essere quello di garantire la migliore esperienza utente possibile, al momento c’è un po’ di disinformazione che sta influenzando il modo in cui i consumatori percepiscono Huawei.

La società ha iniziato a combattere questo attraverso campagne pubblicitarie dedicate, vedendo già una “buona tendenza” quando si tratta di consumatori che acquistano dispositivi. 

VIA