Home > News su Android, tutte le novità > Huawei nuovamente nella lista dei partner di Android Q Beta

Huawei nuovamente nella lista dei partner di Android Q Beta

Android Q Beta 3

Dopo aver vietato alle aziende statunitensi di fornire prodotti a Huawei, il Dipartimento del commercio ha sospeso il divieto per 90 giorni. Ma in alcuni casi, il danno arrecato alle relazioni della catena di fornitura di questa società rimane – la maggior parte dei fornitori di chip e software non hanno revocato il ban. Detto questo, il produttore cinese rimane un partner di Google nel fornire il programma Android Q Beta ai suoi sviluppatori. Mentre Google ha deciso di ritirare la partecipazione di Huawei al programma la scorsa settimana, in queste ore ha annullato quella decisione.

Google ha eliminato ogni menzione del marchio Huawei e dei suoi dispositivi su Android, Android Enterprise e pagine web del programma Android Q Beta lo scorso 24 maggio. Adesso invece, nella pagina dedicata ad Android Q Beta è rispuntato il nome di Huawei.

Ricordiamo che la Beta 3 di Android Q ha molti cambiamenti rispetto alla beta 2, ripristinando alcune delle modifiche allo Scoped Storage e implementando le modifiche al tracciamento del dispositivo. Ha anche i nuovi cambiamenti di Project Mainline (APEX) e alcune delle funzionalità mostrate al Google I/O, come Live Caption, gesture rinnovate, nuove azioni suggerite per le app nelle notifiche e un quick toggle per la modalità dark. 

In generale, comunque, Android Q si focalizza su tre aree ben distinte: innovazione, sicurezza e privacy e benessere digitale. Google vuole aiutare gli utenti a sfruttare le ultime tecnologie come le reti 5G, i display flessibili, gli schermi edge-to-edge, assicurando che la sicurezza, la privacy e il benessere degli utenti siano sempre una priorità.

Nel caso voleste partecipare al beta test e quindi scaricare Android Q beta 3, innanzitutto dovete verificare di essere in possesso di uno smartphone compatibile. In caso positivo, potete visitare la pagina dedicata per l’iscrizione al programma di beta testing mediante questo link.

VIA