Home > News su Android, tutte le novità > Poweramp si aggiorna col supporto ad Android Auto

Poweramp si aggiorna col supporto ad Android Auto

Poweramp Android Auto

Gli sviluppatori di Max MP hanno appena rilasciato un nuovo aggiornamento per la versione Android del media player Poweramp, uno dei più popolari presenti sul Play Store.

L’aggiornamento porta con sé soprattutto l’integrazione con Android Auto, permettendo di utilizzare una UI dedicata anche all’interno dei sistemi di infotainment delle auto compatibili.

Per quanto riguarda invece l’esperienza su smartphone e tablet, ricordiamo che Poweramp adesso si affida quasi interamente alle gesture:

  • tirare verso il basso o fare clic sull’album art per accedere alla playlist corrente
  • come in precedenza, far scorrere il dito sull’album art per il brano successivo/precedente, continuare a trascinare per cambiare categoria ( applicabile anche al mini-player inferiore)
  • usare il mini-player inferiore per tornare all’interfaccia utente principale o per cambiare brano
  • far scorrere il dito verso sinistra/destra dagli elenchi per un ritorno rapido
  • pizzicare per ridimensionare gli elenchi
  • tenere premuto un elemento per accedere al menu di selezione

Il changelog completo dell’aggiornamento è il seguente:

  • Supporto Android Auto
  • Supporto migliorato per l’Assistente Google
  • Livello di zoom compatto per artisti, compositori, generi, playlist
  • Widget della playlist con opzione di mix
  • Supporto Samsung @ Pie
  • Adesso le preimpostazioni di visualizzazione possono essere modificate e nascoste
  • Modificato il modo in cui i sub-album vengono mixati
  • Correzioni di bug e miglioramenti di stabilità

Nel caso non aveste ancora ricevuto la notifica di aggiornamento, vi basterà cliccare sull’appbox sottostante che vi riporterà direttamente sulla pagina dedicata del Play Store:

Poweramp
Poweramp
Developer: Max MP
Price: Free

In alternativa, qui di seguito vi lasciamo il link per procedere al download del file APK da installare manualmente. In questo caso, vi ricordiamo di abilitare i permessi per l’installazione di app provenienti da fonti sconosciute, ovvero tutte quelle scaricate al di fuori del Play Store.

VIA