Home > News su Android, tutte le novità > Google Home Hub e tutti gli smart display si aggiornano con nuove funzioni

Google Home Hub e tutti gli smart display si aggiornano con nuove funzioni

Tutti gli smart display basati su Android Things o Google Cast vengono gestiti, dal punto di vista degli aggiornamenti, direttamente dal colosso di Mountain View. Ciò significa che il rilascio di aggiornamenti avviene pressoché allo stesso momento per tutti i prodotti. Sia Google Home Hub che Lenovo Smart Display hanno di recente ricevuto aggiornamenti che aggiungono funzioni per quanto riguarda le sveglie.

Con gli smart display ora è possibile impostare delle sveglie mediante il touchscreen, senza la necessità di parlare con i dispositivi. La nuova funzionalità è disponibile nella versione firmware 4.4.1.16+ del Lenovo Smart Display e nella versione 1.36 del Google Home Hub, anche se l’aggiornamento 1.36 è attualmente disponibile solo per gli Hub registrati nel Programma di anteprima di Google.

Naturalmente, gli aggiornamenti portano anche altre funzionalità. Sull’Home Hub, il pannello di controllo accessibile con uno swipe verso l’alto dalla parte inferiore dello schermo è stato arricchito: ora mostra cinque icone che consentono di regolare la luminosità o il volume, disattivare l’audio del dispositivo, aggiungere una sveglia o aprire impostazioni più dettagliate. L’icona del volume appare in due cursori: uno per il volume multimediale e uno per il volume delle sveglie.

Nel frattempo, il Lenovo Smart Display ha ricevuto una serie di modifiche, inclusa la possibilità di salvare le ricette in un “ricettario” da rivedere in seguito. Ecco l’elenco ufficiale delle nuove funzionalità di Lenovo:

  • Aggiunta delle sveglie nei Quick Settings
  • Supporto alle interazioni con Nest Hello
  • Possibilità di disattivare lo schermo
  • Nuove watch faces
  • Aggiunta di un ricettario

Purtroppo al momento non abbiamo alcuna informazione su quando Google porterà questi prodotti nel nostro Paese. La cosa si sta facendo sempre più strana, dal momento che i Google Home sono disponibili già da diversi mesi.

VIA