Home > News su Android, tutte le novità > Le Chromecast possono essere incluse nei gruppi di ascolto insieme ai Google Home

Le Chromecast possono essere incluse nei gruppi di ascolto insieme ai Google Home

Chromecast

La Chromecast è forse il dispositivo che ha avuto maggiore successo per Google, con milioni di vendite sia della prima che della seconda e terza generazione. Non a caso in molti la considerano il prodotto che ha rivoluzionato il mondo di guardare la TV via Internet a casa.

Tuttavia, nonostante condividano lo stesso semplice sistema operativo, le Chromecast e i Google Home non hanno potuto coesistere all’interno della riproduzione multimediale “multi stanza” introdotta da Google qualche tempo fa. O almeno, non hanno potuto finora.

La stessa Google ha annunciato che le Chromecast, sia quelle video che quelle audio, possono adesso essere aggiunte all’interno dei gruppi di ascolto formati dagli smart speaker della serie Google Home, così come dagli smart display e dagli smart speaker di altre aziende che hanno accesso a Google Cast.

La funzione è stata aggiunta con un recente aggiornamento firmware rilasciato per tutte le Chromecast in maniera graduale. Se quindi non aveste ancora l’opportunità, mediante l’applicazione Home, di integrare le Chromecast nei gruppi di ascolto che avete creato per la riproduzione simultanea su più speaker, è solo una questione di tempo.

Prima di lasciarvi, vi vogliamo ricordare che in occasione del Black Friday, sul Google Store stanno venendo proposti degli interessanti sconti legati a queste due categorie di prodotti. In particolare, troviamo che dal 22 novembre, sarà possibile acquistare:

  • Google Home Mini a 29 euro (in diretta concorrenza con Amazon Echo Dot a 34,95 euro)
  • Google Home a 99 euro
  • Google WiFi a 99 euro
  • Chromecast Ultra a 59 euro

Sicuramente l’offerta più interessante è quella che riguarda Google Home Mini (lo smart speaker più venduto nel secondo trimestre del 2018) che, a soli 29 euro, permette di portarsi a casa un altoparlante smart con l’Assistente Google integrato.

VIA