Home > News su Android, tutte le novità > WhatsApp “ammonisce” due applicazioni di terze parti

WhatsApp “ammonisce” due applicazioni di terze parti

WhatsApp

WhatsApp per Android è un’app che nel corso delle settimane ha ricevuto diversi aggiornamenti che hanno introdotto nuove funzionalità relative alle chat, ai gruppi e alla modifica delle foto. Qualche mese fa nella versione beta è stato introdotto il supporto alle chat in evidenza.

Poi sono state svelate delle novità future per i pagamenti ed in seguito si è iniziato a rinnovare il set di emoji. 

Nelle scorse ore WhatsApp ha “ammonito” con una diffida formale gli sviluppatori di due applicazioni, Can’t Talk e DirectChat, che hanno come obiettivo quello di espandere le funzionalità dell’applicazione ufficiale. Purtroppo però questo tipo di applicazioni non va giù alla società, che ha sempre tentato di ostacolare queste operazioni anche in altri prodotti gestiti da Facebook (come le varie limitazioni alle app di terze parti introdotte su Instagram).

Il procedimento verso queste due applicazioni consiste in una diffida formale alla quale potrà far seguito un procedimento legale qualora gli sviluppatori decidessero di ignorare gli avvertimenti. Ora al di là di quelle che sono le applicazioni “incriminate”, questo di fatto potrebbe costituire un precedente per tutte quelle applicazioni di terze parti che violano le spesso ignorate condizioni di utilizzo e i termini di servizio.

Tecnicamente però potrebbe trattarsi anche di un caso isolato dovuto a delle violazioni legate esclusivamente alle due applicazioni citate prima. In ogni caso, se nelle prossime settimane eventuali app di terze parti smetteranno di funzionare sul vostro dispositivo mobile, questa potrebbe essere la causa.

Potete scaricare WhatsApp per Android cliccando su questo badge:

WhatsApp Messenger
WhatsApp Messenger
Developer: WhatsApp Inc.
Price: Free

Via