Home > News su Android, tutte le novità > Google ARCore 1.3, il teardown rivela il supporto a OnePlus 5T, Honor 10 e molti altri

Google ARCore 1.3, il teardown rivela il supporto a OnePlus 5T, Honor 10 e molti altri

Google ARcore

Attraverso l’analisi del codice della nuova versione Google ARCore 1.3, i colleghi di Android Police sono riusciti a scoprire qualcosa di molto interessante inerente la compatibilità. Sembra infatti che questa nuova versione aggiunga la compatibilità o comunque getti le basi per una futura compatibilità con molti nuovi smartphone.

In particolare, la lista trovata nel file APK è composta da:

  • OnePlus 5T
  • Tutti gli smartphone Android One di prima generazione [sprout]
  • Huawei
    • Huawei P20 Pro [HW-01K]
    • Huawei P10 in edizione limitata firmata da Lionel Messi
    • Huawei ? [HWINE]
    • Honor 10 [HWCOL]
  •  Sony
    • Sony Xperia XZs [G8231, G8232]
    • Sony Xperia XZ [F8331, F8332]
    • Sony Xperia XZ2 Pro [H8116, H8166]
    • Sony Xperia XZ2 Compact [H8314, H8324]
    • Sony Xperia XZs TD-LTE 602SO (Sony Keyaki SS) [602SO]
    • Docomo Xperia XZ SO-01J
    • Docomo Xperia XZs SO-03J
    • Docomo Xperia ? [SO-04K]
    • Docomo Xperia ? [SO-05K]
    • Xperia XZ SOV 34 (Experia X Zut Esu Boy Sanyon)
    • Xperia XZs SOV 35 (Experia XSSS SOV 35)
    • Xperia ? [SOV48]
  • Nokia
    • Nokia 6 [PL2]
    • Nokia 7 [B2N]
  • Xiaomi
    • Xiaomi ? [Dipper]
    • Xiaomi ? [Ursa]

Molto probabilmente la compatibilità con Google ARCore non è immediata per questi smartphone ma lo sarà con le prossime release. Ricordiamo che gli ultimi smartphone ad essere diventati compatibili in Occidente sono i Galaxy S9.

Download Google ARCore 1.3

Ad ogni modo, nel caso non aveste ancora ricevuto la notifica di aggiornamento, vi basterà cliccare sull’appbox sottostante che vi riporterà direttamente sulla pagina dedicata del Play Store:

Google Play Services per AR
Google Play Services per AR
Developer: Google LLC
Price: Free

In alternativa, qui di seguito vi lasciamo il link per procedere al download del file APK da installare manualmente. In questo caso, vi ricordiamo di abilitare i permessi per l’installazione di app provenienti da fonti sconosciute, ovvero tutte quelle scaricate al di fuori del Play Store.

FONTE