Home > News su Android, tutte le novità > Android Enterprise Recommend: altri 17 dispositivi aderiscono al progetto

Android Enterprise Recommend: altri 17 dispositivi aderiscono al progetto

Android Enterprise Recommended

Il programma Android Enterprise Recommended è stato presentato da Google qualche settimana fa con il chiaro intento di dare delle indicazioni agli utenti business su quali siano gli smartphone più adatti all’uso lavorativo. A farne parte fin da subito ci sono stati alcuni smartphone Nokia e poi se ne sono aggiunti anche altri in un secondo momento. Nelle scorse ore sono stati aggiunti altri dispositivi al programma Android Enterprise Recommended tra cui spuntano due nuovi produttori e anche due tablet.

Ecco allora la lista con tutti i dispositivi aggiunti nelle ultime ore:

  • Sharp AQUOS SH 10-K
  • Sonim XP8
  • Huawei MediaPad M5 8.4
  • Huawei MediaPad M5 10.8
  • Sony Xperia XZ2
  • Sony Xperia XZ2 Compact
  • Motorola Moto G6
  • Motorola Moto G6 Plus
  • Motorola Moto Z3 Play
  • Huawei P20
  • Huawei P20 Pro
  • Blackberry KEY2
  • Nokia 3.1
  • Nokia 5.1
  • Nokia 6
  • Nokia 7 Plus
  • Nokia 8 Sirocco 

Ricordiamo quali sono i requisiti necessari per accedere a questo programma:

  • Almeno 2 GB di RAM e 32 GB di spazio di archiviazione
  • Un chipset con CPU da 1.4 GHz o più veloce, architettura a 64 bit, durata della batteria di almeno 8 ore
  • Fotocamere da 2MP e 10 MP
  • Compatibilità di fabbrica con la scansione dei codici QR e con i metodi di registrazione zero-touch
  • Il produttore ha una finestra di 90 giorni per fornire gli ultimi aggiornamenti di sicurezza
  • Una versione sbloccata del dispositivo deve anche essere acquistabile dal produttore direttamente o da un distributore di terze parti

Il programma di certificazione di Google dopo questa aggiunta include un totale di 39 dispositivi. I brand coinvolti sono Sony, Motorola, Huawei, Blackberry, HMD / Nokia e ora anche Sharp e Sonim,sebbene questi ultimi due attualmente non sono disponibili per il mercato italiano, anche se Sharp dovrebbe ritornare a vendere i propri dispositivi in Europa.

Via