Home > News su Android, tutte le novità > Le “Storie AMP” in arrivo anche nella Ricerca Google

Le “Storie AMP” in arrivo anche nella Ricerca Google

Google Storie AMP

Google ha lanciato in anteprima una nuova funzionalità chiamata “Storie AMP“.

Ecco di cosa si tratta. Inizieremo con la seconda parte, “Storie”. Se avete utilizzato Snapchat, Instagram o un servizio qualsiasi di proprietà di Facebook, sapete cos’è una Storia. È una visualizzazione a schermo intero di contenuti che puoi scorrere o toccare. Snapchat le ha introdotte per prima, Instagram ha copiato spietatamente, e poi Facebook ha cercato ancora più spietatamente di rendere le Storie un punto fermo di tutti i servizi di sua proprietà (compreso WhatsApp).

Ora Google sta facendo la stessa cosa. A partire da oggi inizierà a testare un formato di Storie che verrà visualizzato nella Ricerca Google, ma solo se lo si cercherà. Ad esempio, cercando una pubblicazione di People, CNN o SBNation potreste ottenere una serie di contenuti in slideshow creati da quel partner. Potrebbe essere una presentazione di una top-ten list, piccole immagini in movimento o qualche altra cosa “visivamente ricca progettata specificamente per i dispositivi mobili“, come dice Google.

Venendo ora alla prima parte, è quella più complessa. “AMP” è lo standard per le pagine Web che sono radicalmente più leggere e quindi molto più veloci nel caricare rispetto alle pagine mobili esistenti. Si tratta di uno standard lanciato inizialmente da Google stessa. È stata in qualche modo una risposta agli articoli istantanei di Facebook, ma è stata introdotta anche in altri ambiti quali Bing e Twitter.

Potete consultare alcune delle prime Storie AMP utilizzando lo smartphone e recandovi su g.co/ampstories. Partecipano CNN, Mic, SBNation, The Washington Post, Cosmopolitan, Wired, People e Mashable.

VIA