Home > News su Android, tutte le novità > Google offre agli utenti un maggiore controllo sulle pubblicità che vedono

Google offre agli utenti un maggiore controllo sulle pubblicità che vedono

Google ha annunciato ieri che sta introducendo un paio di nuovi strumenti volti a rendere gli annunci online un po’ meno irritanti. Le relative impostazioni degli annunci e la funzione “Disattiva audio di questo annuncio” stanno ricevendo degli aggiornamenti che consentono agli utenti di avere un maggiore controllo.

Sapete che se effettuate una ricerca poi per settimane quel particolare argomento vi segue su Internet, spuntando in pubblicità su quasi tutti i siti web che si visitano? Si tratta di annunci promemoria e Google afferma che gli inserzionisti in genere li impostano affinché vengano visualizzati per circa un mese a partire dalla data in cui si sono visitati i loro siti web.

Ma ora Google consente di disattivare l’audio di tali annunci. Bisogna solo recarsi nelle Impostazioni degli annunci quando si accede all’account Google, andare alla sezione “I tuoi annunci di promemoria” e fre clic sulla “X” accanto a tutti gli annunci che non si vogliono più vedere. È una soluzione temporanea – il muting dura solo 90 giorni – ma dal momento che è sostanzialmente più lungo della maggior parte degli annunci promemoria, ci sono buone probabilità che non si vedranno più.

Nel 2012, Google ha iniziato a consentire agli utenti di bloccare determinati annunci che non piacevano loro. Ora sta espandendo questa funzione e inizierà a essere disponibile su più app e siti web che collaborano con Google per la pubblicità. E ora funzionerà anche in maniera multi piattaforma. Probabilmente queste novità verranno riproposte, in maniera sintetica, anche al Google I/O 2018.

Quindi, se si disattiva un annuncio sullo smartphone, questo verrà disattivato anche sul laptop. Google non è l’unica azienda che cambia il modo in cui gli utenti sperimentano gli annunci. L’anno scorso, Apple ha annunciato che la versione di Safari in High Sierra impediva agli inserzionisti di rintracciare gli utenti mentre visitavano diversi siti, cosa che ha anche aggirato il problema degli annunci promemoria.

VIA  FONTE