Home > News su Android, tutte le novità > Huawei ammette di usare diverse memorie flash su Huawei P10 e P10 Plus

Huawei ammette di usare diverse memorie flash su Huawei P10 e P10 Plus

Huawei P10

Abbiamo appena finito di parlarvi del Samsung Galaxy S8 e delle sue differenze a livello prestazionale per via dei differenti SoC utilizzati in giro per il mondo e rimaniamo sull’argomento spostandoci però sul versante memorie flash relativamente a Huawei P10 e Huawei P10 Plus.

I primi utenti che hanno acquistato questi smartphone e che hanno provveduto a testarli attraverso dei benchmark hanno riscontrato che in alcuni modelli la memoria flash raggiungeva una velocità in lettura sequenziale superiore ai 700 MB, altri intorno ai 500 MB e altri ancora addirittura sotto i 300 MB. La cosa ha insospettito molti e, grazie ai colleghi di Android Authority che hanno interpellato Huawei, abbiamo potuto scoprire che il colosso cinese utilizza diversi fornitori per le proprie memorie flash.

Per soddisfare la domanda globale di milioni di unità, Huawei ha impiegato la prassi standard industriale di affidarsi a diverse soluzioni di approvvigionamento da più fornitori affidabili per garantire un equilibrio tra esperienza utente, qualità e offerta sostenibile.

Non c’è modo di verificare prima dell’acquisto quali chip sono presenti su Huawei P10

La cosa però inaccettabile è che all’interno di Huawei P10 e Huawei P10 Plus possono essere presenti, in maniera indistinguibile all’apparenza per l’utente, memoria RAM LPDDR3 o LPDDR e memorie flash eMMC 5.1, UFS 2.0 o UFS 2.1. Insomma, differenze generazionali e tecnologiche importanti che influiscono senza dubbio sull’utilizzo quotidiano degli smartphone.

Le diverse componenti di memoria flash vengono spedite a caso in base all’offerta in quel momento. Non ci sono lotti specifici o selezione manuale per i vari chip, né c’è alcuna discriminazione o intenzione di frode ai consumatori.

Dal momento che le prestazioni variano molto fra modello e modello, a nostro avviso Huawei ha fatto una scelta errata penalizzando moltissimi utenti che si ritrovano con uno smartphone non performante al 100% pur avendo speso gli stessi soldi per acquistare un Huawei P10 rispetto a coloro che si ritrovano un modello con i chip migliori.

VIA  FONTE