Home > News su Android, tutte le novità > Facebook: nuove azioni contro le pubblicità discriminatorie

Facebook: nuove azioni contro le pubblicità discriminatorie

In questo periodo il social network Facebook non deve combattere solamente contro le news fasulle che giornalmente infestano il news feed di milioni di utenti ma anche contro inserzionisti pubblicitari che, non rispettando le regole, creano pubblicità discriminatorie verso particolari categorie di persone.

A tal proposito, vi segnaliamo che gli sviluppatori di Facebook hanno preso posizione contro queste situazioni aggiornando le politiche e le linee guida per poter creare pubblicità su Facebook:

Abbiamo aggiornato le nostre politiche per rendere il nostro divieto esistente contro la discriminazione ancora più forte. Spieghiamo chiaramente che gli inserzionisti non possono discriminare le persone sulla base di caratteristiche personali quali razza, etnia, colore, origine nazionale, religione, età, sesso, orientamento sessuale, identità di genere, stato di famiglia, disabilità medica o condizione genetica.

Queste semplici ma essenziali linee guida sono presenti sia nelle condizioni generali di chi intende pubblicare un’inserzione pubblicitaria che nella schermata che permette materialmente la pubblicazione delle pubblicità.

Facebook sempre più basato sul machine learning

Infine, per rilevare quanto più efficacemente le pubblicità che non rispettano in pieno la politica dell’azienda, Facebook ha sviluppato un algoritmo che si basa sul machine learning in grado di riconoscere, sempre più nel tempo, inserzioni che offrono impieghi di lavoro, affitti di case ed altre cose dubbie inerenti transazioni finanziarie:

Stiamo iniziando a testare una nuova tecnologia che sfrutta l’apprendimento automatico (machine learning) per aiutare a identificare gli annunci che offrono alloggio, lavoro o opportunità di credito, ovvero le tipologie di annunci pubblicitari che maggiormente si rivelano essere truffe. Questo ci permetterà di fornire più velocemente le comunicazioni e le informazioni educative per gli inserzionisti – e rispondere più rapidamente alle violazioni alla nostra politica.

Per maggiori informazioni sulle politiche di inserimento di inserzioni pubblicitarie in Facebook, vi invitiamo a visitare la pagina dedicata.

VIA  FONTE